4 motivi per cui non vedremo più una serie come Friends

News Serie TV

Il 22 settembre 1994, sei telegenici ventenni sguazzavano in una fontana davanti ai titoli di testa che annunciavano l’arrivo di “Friends“, una nuova sitcom della NBC che avrebbe cambiato per sempre la televisione.

Siamo stati tutti testimoni di come “Friends” sia diventato immediatamente una commedia di successo. Secondo la Nielsen Ratings, è stato uno dei cinque programmi più visti per nove delle sue 10 stagioni.

Dal momento in cui Rachel, Monica, Joey, Chandler, Phoebe e Ross sono entrati nelle stanze, “Friends” è stato un successo.
La serie è stata una bomba di ascolti durante la sua messa in onda, ma la sua vita successiva in repliche e in streaming è stata altrettanto notevole.

Chi avrebbe mai potuto prevedere che intere generazioni sarebbero state incantate dalla storia d’amore di Ross e Rachel, dalle amabili nevrosi di Monica e dalla passione di Joey per i panini. Netflix ha recentemente pagato ben 80 milioni di dollari per i diritti dello show fino al 2019.

Le reti vorrebbero replicare il successo della serie. Ma le realtà del panorama televisivo odierno rendono improbabile che vedremo mai un’altra serie con un impatto culturale come “Friends”.

In attesa della puntata speciale che vedrà la reunion del cast di Friends , ecco quattro motivi per cui difficilimente vedremo ancora una serie come Freinds:

1 – Stagioni più brevi significano meno tempo sullo schermo

Le serie iniziavano a settembre e duravano fino a maggio. La maggior parte aveva un ordine medio di 22 episodi per stagione, con ogni episodio che andava in onda una volta a settimana. Questo permetteva agli spettatori di rendere la visione del loro show preferito una parte della loro routine settimanale nel corso di nove mesi. Dal 1994 al 2004, la NBC ha prodotto 236 episodi di “Friends”, una media di 24 episodi a stagione.

Oggi, le stagioni televisive sono molto più brevi. Mentre le sitcom occasionali ricevono ancora l’ambito ordine di 22 episodi, altre ne ricevono molto meno, e questo include quelle con una comprovata esperienza.

Per esempio, anche se “Brooklyn Nine-Nine” ha vinto un Golden Globe per la migliore commedia, la NBC ha approvato solo 13 episodi per la sua prossima stagione.

Ci sono una serie di ragioni per questo cambiamento, da attori famosi meno disposti a impegnarsi in così tanti episodi a cambiamenti nel modo in cui funziona la fruizione. Ma stagioni più brevi significano che gli spettatori hanno meno opportunità di essere investiti profondamente nello show e nei suoi personaggi.

2 – Pubblico frammentato


Nel 1994, c’erano solo quattro grandi reti televisive: ABC, CBS, NBC e Fox. Un numero limitato di reti significava che solo un numero limitato di programmi sarebbe andato in onda – rendendo molto più probabile che uno show popolare potesse attrarre una grande fetta di americani.

Nel 1994 e 1995, una media di 75 milioni di persone si sintonizzò sulla NBC il giovedì sera. La NBC lanciò lo slogan “Must See TV” per commercializzare la sua linea di commedie di successo del giovedì sera, che, oltre a “Friends”, includeva serie pesanti come “Mad About You” e “Seinfeld“. Perdere uno show di successo significava essere fuori dal giro il giorno dopo, quando tutti parlavano di quello che era successo.

Ma negli ultimi dieci anni, la tv via cavo e lo streaming hanno completamente stravolto questo modello.

Nei primi sei mesi del 2019, più di 320 show e serie tv sono andati in onda su reti televisive, via cavo e piattaforme di streaming.

Una scelta così vasta ha frammentato il pubblico. Non più vincolati agli orari della rete, gli spettatori possono guardare ciò che vogliono, dove vogliono e quando vogliono.

The Big Bang Theory” illustra questo cambiamento.

Come “Friends”, “The Big Bang Theory” è stata una sitcom molto popolare sulla rete televisiva su un gruppo di amici. Ha funzionato per 12 anni, dal 2007 al 2019. Circa 18 milioni di persone hanno guardato il finale della serie, che è andato in onda il giovedì sera.

Ma il finale di serie di “Friends” l’ha spazzato via: Il 6 maggio 2004, più di 52 milioni di persone si sono sintonizzate per dire addio.

Nel mercato di oggi, portare uno show a quel livello di “Must See TV” è un’impresa quasi impossibile anche per il produttore più esperto.

Il finale di serie di ‘Friends’ è stata una di quelle rare esperienze culturali condivise.

3 – Snobismo da telecamera singola

Le sitcom sono classificate come “single-cam” o “multi-cam“, che si riferisce allo stile di ripresa. Gli show multi-cam come “Friends” e “The Big Bang Theory” sono tipicamente girati su un palcoscenico sonoro di fronte a un pubblico dal vivo in studio. Sono spesso arricchiti da una traccia di risate, e il prodotto finale assomiglia a una commedia filmata.

Gli show a camera singola come “Girls” e “Brooklyn Nine-Nine” sono prodotti più come film. Non sono limitati a un piccolo numero di set e location.

Mentre il pubblico dal vivo in studio può infondere energia e immediatezza ai multi-cam, gli show single-cam tendono ad avere più flessibilità narrativa, e possono possedere un livello di intimità visiva che è difficile da raggiungere nei multi-cam.

Nel 1995, quando “Friends” ha ricevuto la sua prima nomination agli Emmy come miglior serie comica, tre delle altre quattro nominate – “Seinfeld”, “Mad About You” e “Frasier”, che ha preso il premio – erano sitcom multicamera della NBC.

Nel 2019, la lista dei contendenti della migliore serie comica è più grande, con sette candidati. Ma ognuno è uno show single-cam; non c’è un multi-cam o una laugh track nel gruppo.

4- L’ascesa del ‘dramedy’ e dell’antieroe


In un certo senso, i creatori di “Friends” David Crane e Marta Kauffman, insieme al loro partner di produzione originale, Kevin Bright, hanno rivoluzionato il genere delle sitcom.

Il nuovo show che stavano proponendo – originariamente intitolato “Insomnia Cafe” – era ancora un multi-cam, ma era un tipo molto diverso di multi-cam.

Il team immaginava un multicam più denso, con più trame e scene per ospitare un ensemble di sei protagonisti. Mentre un episodio di un multi-cam più vecchio e tradizionale come “All in the Family” della CBS potrebbe accontentarsi di sei o dieci scene, due trame e meno set, “Friends” avrebbe avuto almeno tre trame e fino al doppio delle scene.

“Non vogliamo che sembri come qualsiasi altra cosa in TV”, hanno scritto Crane e Kauffman nel loro documento originale di presentazione. “Vogliamo uno stile di taglio veloce, rapido. L’intero show dovrebbe avere un’atmosfera veloce e iper-caffeinata”.

“Friends” ha portato il genere in una nuova direzione stilistica, e le successive multi-cam come “How I Met Your Mother” hanno continuato la tendenza.

Leggi anche How I Met Your Father sarà collegata alla serie originale (e non solo!)

Ma le sitcom stavano già subendo un’evoluzione ancora più drammatica. Mentre la maggior parte delle sitcom tradizionali multi-cam si aspettavano principalmente di offrire grandi risate, un’ondata emergente di show single-cam ha iniziato a infondere la commedia con temi più oscuri e trame più taglienti.

Conosciute come “dramedy“, sono diventate ancora più popolari con la proliferazione delle piattaforme di streaming. Gli spettatori che hanno abbracciato il crudo realismo di spettacoli come “Girls” della HBO e “Transparent” di Amazon Studio spesso trovano le tradizionali multicamere scadenti.

Poi c’è stata l’ascesa dell’antieroe delle sitcom, un nuovo tipo di personaggio principale che potrebbe essere imperfetto e non sempre simpatico – pensate a Larry David in “Curb Your Enthusiasm” o Selina Meyer di Julia Louis Dreyfus in “Veep”.

Gli spettatori moderni, più annoiati, che sono passati alle dramedy, saranno mai disposti ad abbracciare il patinato e romantico fluff di uno show come “Friends”?

L’attuale ecosistema televisivo potrebbe non essere adatto a coltivare un altro “Friends”, ma questo non dovrebbe sminuire il suo impatto sul genere.

Ha cambiato il gioco, alzando l’asticella per tutte le sitcom a venire.

Fonte: theconversation.com

Altri articoli

Animali Fantastici 3: completerà la backstory di Silente

La storia di Animali Fantastici 3: I segreti di Silente sembra destinata a completare una parte chiave e intrigante di ...
Leggi Tutto
/ Film, News

Matrix Resurrections: il TRAILER del quarto capitolo!

The Matrix Resurrections uscirà nei cinema e sul servizio di streaming HBO Max a dicembre. Il film originale di Matrix ...
Leggi Tutto
/ Film, News

Spider-Man: No Way Home – Trailer Ufficiale

Dopo mesi di attesa, è stato finalmente pubblicato il trailer ufficiale di Spider-Man: No Way Home. A seguito delle dichiarazioni ...
Leggi Tutto
/ Film, News

How I Met Your Father: Hilary Duff ha letto il copione

Hilary Duff si è espressa sull’incredibile prima lettura del copione di How I Met Your Father di Hulu. Creato dal ...
Leggi Tutto
/ News, Serie TV

La Casa Di Carta 5: Trailer e data di uscita

Il tanto atteso ritorno del popolare show di Netflix La Casa Di Carta è qui, dato che è stato annunciato ...
Leggi Tutto
/ News, Serie TV

Stranger Things 4: nuove foto e indizi su data di uscita

Nuove foto dal set di Stranger Things 4 sono state rilasciate per placare la fanbase rabbiosa dello show fino a ...
Leggi Tutto
/ News, Serie TV

Dexter stagione 9: trailer, data di uscita e antagonista

Il trailer della stagione 9 di Dexter è arrivato. Michael C. Hall tornerà nei panni del serial killer protagonista in ...
Leggi Tutto
/ News, Serie TV

Come rimuovere la pubblicità da Veezie.st GRATIS!

Ti piacerebbe rimuovere la pubblicità da Veezie.st gratis? Da oggi è possibile! Vieni a provare Guess The Movie! Il quiz ...
Leggi Tutto
/ News, Recensioni

Enola Holmes 2: uscita, cast, trama. In streaming su Netflix

Uscito l’anno scorso, Enola Holmes è stato un divertente giallo ispirato a Sherlock con Millie Bobby Brown nel ruolo della ...
Leggi Tutto
/ Film, News

After 3: tutto quello che sappiamo finora

After 2 (After We Collided) è uscito l’anno scorso i fan stanno già facendo il conto alla rovescia fino all’uscita ...
Leggi Tutto
/ Film, News

Articoli recenti